Il World Water Day 2019

Venerdi 22 marzo si celebrerà la ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite del World Water Day, quest’anno con tema „Leaving no one behind“.

Il World Water Day

Il World Water Day, la Giornata Mondiale dell’Acqua, è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, che si celebra ogni anno il 22 di marzo e che vuole sensibilizzare la popolazione mondiale su importanti tematiche riguardanti la protezione e l’utilizzo delle acque.

In ogni edizione le Nazioni Unite indicono per il World Water Day una particolare tematica connessa all’acqua e alla sua protezione: quella del 2019 sarà „Leaving no one behind“.

In occasione della ricorrenza numerose azioni concrete vengono realizzate in Italia e nel Mondo intero, sia dagli stati membri aziende che da Organizzazioni Non Governative, con la partecipazione di privati cittadini particolarmente sensibili a questa tematica.

L'edizione 2019

L'edizione 2019 del World Water Day è all'insegna dell'inclusione, il titolo è infatti "Leaving no one behind": un invito a garantire a tutto il pianeta l'accesso alle risorse idriche, ispirato anche dal Sustainable Development Goal 6, dell’Agenda 2030, “garantire la disponibilità e la gestione sostenibile di acqua e condizioni igieniche per tutti” .

Una tematica molto cara alle Nazioni Unite, che già nel 2010 postulavano che “il diritto all’accesso ad un’acqua sicura, pulita e bevibile è un diritto fondamentale per vivere una vita appagata”, e reso ancora più pressante dagli ultimi dati secondo i quali oggi 2,1 miliardi di persone vivono senza accesso all’acqua sicura, una scuola primaria su quattro non ha servizi per l’utilizzo di acqua potabile, più di 700 bambini al giorno muoiono per problemi causati da acqua contaminata e scarsi servizi igienici.
E le proiezioni per il futuro sono altrettanto negative: si stima infatti che 700 milioni di persone entro il 2030 potrebbero dover abbandonare le proprie dimore a causa della scarsità d’acqua.

Il monito delle Nazioni Unite è quello di focalizzare i propri sforzi per includere le persone ora ai margini o addirittura escluse dalla fruizione di acqua. Un'inclusione che deve essere centrata non solo sulla disponibilità ma anche sui processi decisionali nell'accesso alle riserve idriche.

World Water Day in Italia

L’Italia è come ogni anno in prima linea, con tanti eventi che si terranno in ogni parte del paese, veicolati dall’hashtag #GiornataMondialeDellAcqua, con protagoniste le istituzioni, aziende e singoli cittadini.

Le iniziative partono dall'accesso vero e proprio alle riserve di acqua, come ad esempio nella città di Aosta, dove l'utilizzo delle "casette" pubbliche dell'acqua sarà gratuito, alle iniziative di stampo culturale come l'entrata gratuita a strutture e punti d'arte correlati al tema acqua.

E se è vero che il futuro è delle nuove generazioni, sono anche tantissime le iniziative che riguardano le scuole: dal progetto Resiliario, che proporrà durante la giornata di venerdi 22 dirette facebook direttamente dai fondali del lago di Como, a progetti di E-Learning e concorsi artistico-fotografici sempre sulla tematica del giorno.

Denios e la protezione delle acque

Da oltre trent’anni, DENIOS supporta i prori clienti nella salvaguardia delle falde acquifere attraverso il contenimento dei possibili sversamenti che si possono verificare in ambito industriale.
A tal fine vi proponiamo la gamma di vasche di raccolta più completa del mercato, da quest’anno suddivisa in tre famiglie principali, con caratteristiche diverse e peculiari, che agevolano ancor di più la scelta del prodotto più adatto alle vostre esigenze.

In acciaio, polietilene o acciaio inox, a seconda del liquido da stoccare, e per fusti, cisternette o piccole confezioni,a seconda dei contenitori di stoccaggio utilizzati, nel nostro programma trovate sempre la soluzione più confacente alle vostre esigenze.

Ma la protezione delle acque per DENIOS non è solo vasche di raccolta, ma anche depositi per sostanze pericolose, armadi, sistemi di pavimentazione protettiva e molto altro per la sicurezza di livello massimo per gli operatori e per l’ambiente.