Una camera di prova per accumulatori stazionari di energia per VoltaVision

Voltavision GmbH

Voltavision GmbH

VoltaVision GmbH di Bochum è un’azienda indipendente di servizi, operante nel settore ricerca e sviluppo, che dispone di impianti di prova per sistemi ad elevata tecnologia utilizzati nella trazione elettrica e nelle energie rinnovabili.

La dimensione dei campioni da testare va dalle batterie a ioni di litio per apparecchiature elettriche a "grandi" sistemi di accumulo dell'energia. Per queste grandi applicazioni VoltaVision e DENIOS hanno sviluppato insieme un locale climatizzato di test che si contraddistingue per il suo ampio spazio di prova e per la protezione antincendio integrata.

La sfida

Sempre più energia viene prodotta da fonti rinnovabili, per esempio da impianti eolici o solari. L’energia viene perciò spesso prodotta in luoghi e momenti della giornata in cui non può essere totalmente utilizzata: questo accresce l’importanza dei sistemi di accumulo dell’energia. Si rendono necessari quindi test completi sulle influenze dell’ambiente sulla durata dei moduli.

Le associazioni di categoria dispensano raccomandazioni ma non esistono veri e propri regolamenti e normative sui quali operatori ed installatori possano basarsi: la sicurezza si fonda quindi più sull’esperienza che su standard esistenti.

Sulla base della valutazione dei rischi in questo caso era necessario realizzare un compartimento separato, con protezione antincendio sia interna che esterna, in cui alloggiare il banco di prova. Le camere climatiche standard disponibili sul mercato non soddisfacevano questi requisiti.

La soluzione

VoltaVision e DENIOS hanno sviluppato insieme un deposito antincendio climatizzato come banco di prova per accumulatori stazionari di energia.

All’interno di questo locale, grazie al volume di prova di 30 m³, batterie particolarmente grandi  possono essere sottoposte a condizioni termiche ed elettriche definite. In condizioni di prova normalizzate sono simulati ad esempio processi artificiali di invecchiamento in un campo di temperatura da - 20 ° C a + 60 ° C, in questo modo vengono testate la resistenza ai cicli e la durata nel tempo delle batterie.

E’ stato sviluppato anche un concetto di sicurezza globale:

  • l'integrazione di una sensoristica adeguata consente il costante controllo della temperatura ed il rilevamento di eventuali perdite di gas;
  • nel tetto una superficie di rilascio della pressione ne consente una compensazione controllata in caso di emergenze;
  • una ventilazione tecnica di potenza elevata consente l’evacuazione di gas nocivi o potenziamente esplosivi;
  • una vasca di raccolta, dotata di rivestimento interno resistente agli acidi e conduttivo, contiene eventuali sversamenti dell’acqua di raffreddamento contaminata; lo svuotamento avviene tramite un collegamento separato, permettendo lo smaltimento corretto dell’acqua di raffreddamento.

Il risultato

Una soluzione innovativa e chiavi in mano che consente la riproducibilità dei risultati grazie alle condizioni controllate di prova. Tutto questo senza dover installare una camera climatica separata all’interno del locale di prova.